Di-Fronzo_Animale_HR2

Imbalsamazioni

Fossi stato bravo avrei conferito a mio padre la postura eretta da uomo adulto, fossi stato davvero bravo avrei fatto così.

Ma, evidentemente, Francesco Colloneve non è abbastanza bravo, oppure non è abbastanza adulto per riuscire nel suo intento; e a mio parere il fascino tetro che Il Grande Animale (edito da Nottetempo, e letto nel contesto dell’Italian Book Challange per la categoria Una Storia Horror) di Gabriele Di Fronzo trasmette nasce proprio da lì, dalla puntigliosità con cui il protagonista affronta la carne morta nell’esercizio della sua professione di tassidermista, da quel rigore che sa parecchio di tentativo di sublimazione, e pertanto di controllo (estremo quando infantile) su quella materia duttile e mutevole che è la vita.

puntazza

Puntazza. Essere quel che si è.

Questa situazione è come la sua merda di vita, pensa. “Me la sono cavata per finire nella merda”.

In Puntazza (edito da Erudita) di Simone Innocenti c’è un’ aria di regolamento dei conti che pervade ogni riga, forte anche di uno sguardo autenticamente comprensivo ma del tutto privo di indulgenza: le cose sono quelle che sono e noi dobbiamo prenderne atto e decidere, seppur inconsapevolmente, se guardarle con onestà oppure lasciarci trascinare da esse.